Diocesi di Tortona
Home
cerca:
Martedì, 25 Giugno 2019
Il Vescovo

Navigazione

 


Ultime Notizie


La DiocesiLa CuriaOrganismi PastoraliVicariati e Parrocchie

GUARDA GLI ULTIMI VIDEO PROPOSTI DAL SERVIZIO COMUNICAZIONI DELLA DIOCESI

SOSTIENI CON LA TUA OFFERTA I SERVIZI VIDEO DELLA DIOCESI (Dirette, riflessioni, omelie, ecc.)


visita

MATERIALE CONVEGNO 2019 e 2018

Notizie - La due giorni del Convegno missionario a Tortona

“Io sono una missione”

TORTONA - Il 7 e l’8 giugno sono state due belle giornate vissute al Centro “Mater Dei” da un centinaio di partecipanti al Convegno missionario organizzato dal segretariato missionario della Congregazione orionina – sacerdoti e suore – in collaborazione con il Centro Missionario della diocesi di Tortona.
Il convegno era incentrato sul tema: “Io sono una missione” a significare che ciascun battezzato, in forza della grazia del sacramento, è di per se stesso una missione, perché inviato ad essere testimone e nel contempo annunciatore di Gesù Cristo e del suo Vangelo.

1/convegno venerdi.jpgLa prima giornata ha visto l’intervento del vescovo mons. Vittorio Viola che alla luce del Magistero di Papa Francesco e dei più recenti documenti degli altri pontefici, ha presentato in modo assai organico le linee di una possibile – anzi necessaria – pastorale missionaria ai vari livelli.
Con la sua nota chiarezza concettuale ed espositiva il Vescovo ha ribadito l’urgenza di una “conversione missionaria” costante e permanente, sia da parte della Chiesa, sia da parte di tutti i cristiani.
Ha fatto riferimento all’impegno dei vescovi italiani che, su proposta del Papa, si preparano a vivere con tutte le loro comunità il mese di ottobre prossimo quale “mese straordinario missionario” nel centenario dell’Enciclica “Maxium illud” di Papa Benedetto XV. “Non si tratta – dice il vescovo – di qualche semplice aggiustamento pastorale dettato dalle necessità storiche del momento presente, bensì di un cambio di mentalità pastorale e comunitario”.
E nel contempo si vuole recuperare la ricchezza di contenuti e sollecitazioni venute dal Concilio Vaticano II, vera fonte di grazia per tutta la Chiesa guidata dalla forza e dalla santità dei Papi Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo II.
Ripensare alla missione significa aprire e leggere gloriose pagine scritte da moltissimi nostri missionari davvero esemplari eroi del Vangelo, non per il semplice dovere di una memoria, ma per trarre stimolo e forza per un rilancio del prezioso tesoro consegnatoci da colui che è per antonomasia l’unico ed autentico missionario.
Il secondo intervento è toccato a Giovanni Rocca, delegato nazionale di “Missio giovani”, che ha raccontato con l’ausilio di video alcune sue esperienze con i gruppi di giovani italiani in terra di missione in varie parti del mondo.
Ha parlato dell’attività pastorale missionaria giovanile e dei vari link che si possono cliccare per conoscere più dettagliatamente la ricca proposta missionaria a favore della gioventù.
Il dopo cena ha visto la proiezione di un simpatico spettacolo missionario.

1/convegno sabato 2.jpgNel secondo giorno c’è stata la presentazione dei progetti della Fondazione “Don Orione” realizzati a favore delle missioni orionine e la relazione sul Convegno internazionale di Montebello del 2017.
Assai interessante e coinvolgente la testimonianza di don Egidio Montanari nel suo racconto in video della fioritura della missione orionina a Leopoli in Ucrania dove la Provvidenza sta scrivendo pagine meravigliose.

Poi nel pomeriggio ha fatto seguito la relazione di don Mario Bandera, già missionario in Brasile e direttore per molti anni del Centro Missionario diocesano di Novara.
Il suo intervento ha presentato alcune proposte per una pastorale missionaria ad intra (cioè all’interno delle comunità locali parrocchiali) e ad extra (cioè a più largo raggio nel mondo con l’invio di sacerdoti, religiosi e laici qualificati per l’evangelizzazione).

1/convegno sabato 5.jpgNon sono mancati i lavori di gruppo e la presentazione delle sintesi di tutti gli interventi dei partecipanti.

Un convegno, dunque, dal taglio prettamente missionario, intenso nei contenuti e stimolante dal punto di vista operativo.
Non mancherà di dare buoni frutti a favore della Congregazione orionina e delle altre Chiese diocesane rappresentate dai vari partecipanti.
Perché – giova ripeterlo – di missione e missionari ce n’è e ce ne sarà sempre bisogno.

Dino Savio

Data: 13/06/2019



Archivio Notizie: La due giorni del Convegno missionario a Tortona

Stampa
Stampa


©2010 - Diocesi di Tortona

Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS! Powered by NetGuru Energized by LamorfaLAB