Venerdì, 01 Marzo 2024
Diocesi di Tortona
Sua Ecc.za Rev.ma
Mons. Guido Marini
Vescovo

L'addio a don Carlo Bagnasco

I funerali sono stati celebrati dal Vescovo il 5 marzo ad Arquata Scrivia

1/don bagnasco 1.jpgARQUATA SCRIVIA - Il 2 marzo si è spento all’età di 71 anni don Carlo Bagnasco che era nato a Busalla il 19 maggio del 1946.
Il sacerdote, ordinato nel 1972, dopo l’esperienza da vice parroco a Rivanazzano Terme, per molti anni aveva ricoperto l’incarico di cappellano dell’Ospedale Civile di Voghera e nel 2008 era stato nominato parroco di Ponte Nizza dove è rimasto fino a quando si è ritirato ad Arquata Scrivia, per motivi di salute.
Negli ultimi anni ha continuato a prestare il suo servizio sacerdotale in aiuto del parroco mons. Lino Piccinini.
I funerali sono stati celebrati nella chiesa parrocchiale di Arquata Scrivia lunedì 5 marzo, alle ore 10, da Mons. Vittorio Francesco Viola, alla presenza di numerosi confratelli sacerdoti e diaconi.
Il Vescovo nell’omelia ha sottolineato come don Carlo, nel suo ministero, “ha sperimentato quello che Cristo ha vissuto nella sua umanità ed è stato partecipe dell’offerta di Gesù, del dono della sua vita, fino alla croce”. “Don Carlo – ha aggiunto – è ora tornato a casa e il Padre lo ha accolto come lui aveva desiderato”.
Il pastore diocesano ha anche ringraziato Pier Paolo Cunietti che è stato vicino a don Carlo nella sua malattia sostenendolo e aiutandolo con grande amicizia.

Renato Piras, un parrocchiano di don Carlo Bagnasco, residente a Mereta, ci ha inviato questo toccante ricordo:

“Don Carlo era un sacerdote amato da tutta la comunità di Mereta, non tanto per l’abito che portava o per l’autorità che rappresentava, ma per il suo particolare modo che aveva nel rapportarsi con la gente che incontrava.

Spesso, quando il tempo lo consentiva, arrivava a Mereta con la sua vecchia Panda e prima di entrare in chiesa era solito sostare e parlare con le persone che trovava seduti nelle scomode sedie di plastica bianca all’ombra dell’unico albero della piazza.
Questo suo modo di agire da prete e da uomo qualunque ha avvicinato alla Chiesa non poche persone adulte e in modo particolare i bambini che sono tornati a prestare servizio come chierichetti.
Don Carlo era un vero pastore che con pazienza andava a cercare le pecore disperse per ricondurle all’ovile.
Tecnicamente era pensionato, ma aveva accolto l’invito di mons. Piccinini, parroco di Arquata, per continuare a svolgere il servizio sacerdotale nelle piccole parrocchie di Prarolo, Mereta, Varinella e Vocemola nonostante le sue precarie condizioni di salute.
Da più di tre anni svolgeva la sua attività senza risparmiarsi e con puntualità.
Era riuscito anche celebrare la messa alla cappellina di Mereta, sopportando non poche difficoltà e accettando di salire nel bosco dove essa sorge, viaggiando su mezzi non proprio comodi.
Era come se non potesse farne a meno perché lui amava la nostra comunità ed era ormai uno di noi. Con lui condividevamo ogni cosa: i momenti gioiosi, come i battesimi di Sofia e Celeste lo scorso anno o il matrimonio di Michela e Gabriele nel 2015 e quelli di grande sofferenza come la scomparsa di persone a noi care.
In quelle occasioni, pur essendo un uomo di fede, ebbe momenti di commozione e di pianto.

Ci sorprese la sera della vigilia di Natale dello scorso anno quando entrando in chiesa col suo passo incerto e lo sguardo basso, salutandoci ci disse che era in procinto di chiudere la sua esperienza da sacerdote.

Fu l’ultima celebrazione a Mereta.

Dopo qualche giorno iniziò il suo lungo calvario in ospedale fino a quando il Signore ha deciso di richiamarlo a sé.

Alla nostra comunità mancherà don Carlo non solo come uomo di fede e per la sua voce da tenore, ma anche per la sua umanità e per le parole di conforto che sapeva sempre trovare quando si trovava di fronte persone disperate o profondamente addolorate”.

Data: 07/03/2018



Archivio Notizie


Diocesi di Tortona

p.zza Duomo, 12
15057 Tortona (AL)

CONTATTACI

Il magazine della Diocesi

Il Popolo

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP

La radio ufficiale della Diocesi

RadioPNR

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP


©2023 - Diocesi di Tortona