Venerdì, 23 Febbraio 2024
Diocesi di Tortona
Sua Ecc.za Rev.ma
Mons. Guido Marini
Vescovo

Gli Eremiti di don Orione da un secolo a Sant’Alberto di Butrio

Domenica 26 luglio la celebrazione per il centenario della presenza dei religiosi orionini

1/eremo.jpg

SANT’ALBERTO DI BUTRIO - Domenica 26 luglio, alle ore 10, nella celebrazione eucaristica, la Comunità Religiosa di Sant’Alberto eleverà la preghiera di ringraziamento per i cento anni di presenza nell’eremo.

«Dove passano i santi, resta il profumo di Dio. Dove passano i santi, fiorisce l’amore. Dove passano i santi, germoglia ogni cosa bella e utile e grande. Dove passano i santi vibra misteriosamente un irresistibile fascino che difficilmente si potrebbe descrivere»: con questo pensiero del compianto vescovo orionino, Mons. Andrea Gemma, i membri della piccola comunità di vita contemplativa, voluta e amata da san Luigi Orione, vogliono ringraziare Dio per il centenario e guardare avanti.
«Che sono mai cento anni di storia e presenza in un luogo che ne conta quasi mille? Eppure questo è un piccolo e prezioso tassello di continuità tra il passato e il presente. – scrivono i religiosi – È nell’oggi che siamo chiamati a vivere la nostra consacrazione a Dio, tra le mura di quest’eremo impreziosito dalla vita santa di chissà quanti monaci nel tempo passato».

Tra la fine del 1800 e gli inizi del 1900 il tempo ha consegnato questo luogo nelle mani di don Orione che lo descriveva come «ridotto quasi a una rovina, tanto da far piangere il cuore».
Proprio grazie all’“apostolo della carità” l’eremo è rinato dopo un lungo periodo di silenzio e abbandono.
Il 30 luglio 1899 don Orione, con la vestizione dei primi tre eremiti al Sacro Cuore di Stazzano, alla presenza di Mons. Igino Bandi, dava inizio a questo ramo della congregazione, dedito alla preghiera, alla penitenza e alla solitudine.
Nel pomeriggio dello stesso giorno, a cerimonia avvenuta, si recò con loro al santuario di Montespineto per rendere grazie alla Madonna.

Questo secolo è stato impreziosito anche dalla presenza del Venerabile frate Ave Maria. Egli arrivò a Sant’Alberto nel 1923, ormai cieco e non vide mai l’eremo, ma si accorse subito di una cosa:
«Qui manca tutto! Ma non manca nulla a chi vuol farsi santo!».
Dal 1920 ad oggi gli Eremiti di don Orione mantengono viva questa piccola fiamma di fede.

Attualmente sono sei i religiosi che portano avanti l’immenso patrimonio spirituale, nel solco tracciato da san Luigi Orione a cui esprimono la loro profonda gratitudine.

Da ricordare anche la significativa fondazione di un eremo in Brasile, avvenuta nel 2003, a Valença, vicino a Rio de Janeiro, che porta il nome di “Eremiterio frei Ave Maria”, in onore del famoso eremita.
Oggi l’eremo di Sant’Alberto si presenta bello, accogliente ed è un luogo caro a molti. Sono stati realizzati molti lavori e per anni è stato un cantiere aperto.
Quest’anno era in programma il restauro di uno degli affreschi della chiesa che si è interrotto a causa della pandemia. I religiosi si augurano che presto si possa concretizzare l’opera anche grazie a quanti vorranno collaborare per sostenere le spese.

Data: 25/07/2020



Archivio Notizie


Diocesi di Tortona

p.zza Duomo, 12
15057 Tortona (AL)

CONTATTACI

Il magazine della Diocesi

Il Popolo

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP

La radio ufficiale della Diocesi

RadioPNR

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP


©2023 - Diocesi di Tortona