Sabato, 24 Febbraio 2024
Diocesi di Tortona
Sua Ecc.za Rev.ma
Mons. Guido Marini
Vescovo

Il vescovo ha incontrato i sinti di Tortona

Hanno recitato insieme il rosario. Poi il presule, accolto dai canti in genovese, ha salutato da vicino i malati e i bambini e ha giocato con loro 

La devozione alla Madonna è molto forte presso i Sinti che vivono a Tortona, nell’area comunale attrezzata lungo la Strada per Castelnuovo; oltre che alla Vergine, i Sinti tortonesi rivolgono intensa preghiera anche al santo protettore degli zingari, il Beato Zefirino Giménez Malla (1861-1936), “martire del Rosario”, fucilato in Spagna durante la guerra civile, proclamato beato da Giovanni Paolo II il 4 maggio 1997.

La sera di mercoledì 11 maggio, al centro del “campo”, intorno a un “vosso” (tradizionale carro gitano in legno), simbolo della vita nomade, ricostruito in miniatura, e accanto alla piccola grotta dove è conservata la statua della Madonna di Lourdes, il vescovo Guido ha incontrato la comunità, accolto festosamente con canti e al ritmo delle chitarre.
Dopo la presentazione di Padre Roberto, il frate cappuccino che da anni cura la formazione religiosa e la vita spirituale dei Sinti di Tortona, con Padre Massimo, itinerante, e Padre Franco, è iniziata la recita del Santo Rosario, guidato dai giovani che si preparano a ricevere la Cresima insieme ai coetanei della Parrocchia del Sacro Cuore.
La visita del vescovo nel mese di maggio è una consolidata tradizione, ma quest’anno era particolarmente attesa perché, a causa della pandemia da Covid-19, Mons. Marini non ha potuto celebrare, come era in programma per il pomeriggio del 6 gennaio, la Santa Messa dell’Epifania. Quella della settimana scorsa, dunque, è stata la prima occasione di incontro del nuovo pastore diocesano con la realtà del cosiddetto “campo nomadi”.

Anche con il vescovo Guido, come con i suoi predecessori, il feeling è stato immediato, soprattutto da parte dei bambini, per nulla intimoriti dal trovarsi di fronte la massima autorità religiosa locale; da parte sua, il vescovo ha saputo ben indirizzare la vivacità dei suoi piccoli interlocutori, coinvolgendoli nel sorprendente “gioco-preghiera” delle cinque dita tante quante sono le lettere che compongono il nome di Maria.
Al termine della suggestiva celebrazione mariana, prima della benedizione e del canto finale, il vescovo ha rivolto parole di gratitudine per l’accoglienza e ha espresso la sua gioia per aver potuto finalmente conoscere la comunità sinta di Tortona.
La risposta non si è fatta attendere: il duo di chitarre e il coro intonavano simpaticamente alcune famose canzoni genovesi.
Le giovani donne hanno allestito una “tavola dolce” in onore degli ospiti, con squisiti biscotti e bevande calde e fredde.

Accompagnato da don Claudio Baldi e dai volontari della Casa di Accoglienza con il presidente Eugenio Presciutti, il vescovo ha voluto recarsi nella casa-mobile di alcuni malati e disabili per portare conforto con un saluto personale.
Nel prender commiato dai capifamiglia sinti e dai volontari presenti Mons. Marini ha ribadito la sua vicinanza e paterna attenzione pastorale per la vita di questa comunità, avendo in cambio rinnovato l’invito a tornare, quale gradito ospite, quanto più spesso gli sarà possibile, per la gioia di grandi e piccini.

Luisa Iotti

Data: 20/05/2022



Archivio Notizie


Diocesi di Tortona

p.zza Duomo, 12
15057 Tortona (AL)

CONTATTACI

Il magazine della Diocesi

Il Popolo

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP

La radio ufficiale della Diocesi

RadioPNR

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP


©2023 - Diocesi di Tortona