Lunedì, 15 Aprile 2024
Diocesi di Tortona
Sua Ecc.za Rev.ma
Mons. Guido Marini
Vescovo

Comunità pastorali: obiettivo da realizzare

TORTONA - Giovedì 6 ottobre si è tenuto nel salone della Caritas diocesana il Consiglio Presbiterale.

Mons. Vescovo, innanzitutto, ha ribadito il primato della fede e della Grazia rispetto al nostro fare.

È il Signore che opera portenti. Noi siamo chiamati ad aprire spazi alla sua azione. Perché questo avvenga, occorre stare davanti al Signore.

La divisione non viene dallo Spirito Santo, è per questo è importante restare uniti. La Lettera del vescovo per l’anno pastorale 2022-2023 è l’omelia che egli stesso ha tenuto sabato 1° ottobre nella Messa celebrata in cattedrale.

Il percorso, invece, rimane l’attuazione di un punto tracciato dal predecessore Mons. Vittorio Viola (cf. Pescatori di uomini. Lettera pastorale 2020-2021), e cioè la realizzazione delle Comunità pastorali.

Concretamente, occorre ultimare una panoramica precisa della celebrazione delle Messe e del sacramento della Penitenza (luoghi, orari); occorre saper indicare i vari referenti di comunità, cioè chi realmente opera nelle varie realtà e le rappresenta, tenendo conto delle diverse forme di collaborazione e di corresponsabilità; costituire, laddove non sia ancora stato fatto, i consigli pastorali vicariali, pur tenendo conto della situazione specifica di ogni zona; è necessaria una verifica esatta degli immobili e delle canoniche e poi proseguire nella verifica delle chiese che non sono parrocchie e di quelle parrocchie nelle quali di fatto non esiste più una vita parrocchiale vera e propria e va certamente considerata l’eventualità anche dell’accorpamento di parrocchie.

L’attuazione delle Comunità Pastorali andrà di pari passo con il Cammino Sinodale.

I sacerdoti presenti sono intervenuti sottolineando che è preferibile che i referenti di comunità siano due, siano effettivamente corresponsabili e formati pastoralmente.

Si è richiamata la necessità della corresponsabilità anche fra sacerdoti. Ci si è interrogati circa l’opportunità di un consiglio pastorale diocesano, distinto da una consulta delle associazioni laicali, e sulle sue finalità.
Si è sottolineata l’importanza della cura pastorale dei malati, e quindi anche la necessità di una panoramica precisa delle realtà assistenziali presenti nel territorio.

Si è raccomandato di prestare attenzione, nelle scelte e nelle decisioni, anche alla salute fisica, psichica e spirituale del sacerdote e di averne cura.
Infine il vescovo ha precisato che non è stato aperto un seminario, ma si è data l’opportunità ad alcuni giovani di fare un anno residenziale per compiere un discernimento vocazionale.

Dopo la recita dell’Angelus, a mezzogiorno, il consiglio presbiterale è terminato.

Don Francesco Favaretto

Data: 14/10/2022



Archivio Notizie


Diocesi di Tortona

p.zza Duomo, 12
15057 Tortona (AL)

CONTATTACI

Il magazine della Diocesi

Il Popolo

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP

La radio ufficiale della Diocesi

RadioPNR

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP


©2023 - Diocesi di Tortona