Lunedì, 17 Giugno 2024
Diocesi di Tortona
Sua Ecc.za Rev.ma
Mons. Guido Marini
Vescovo

Giovanissimi e adulti in cammino per fare esperienza di comunità

A Brusson, in Casa Alpina, dal 27 al 30 dicembre e dal 6 all’8 gennaio, si sono svolti il Campo e la Tre Giorni organizzati dall’Azione Cattolica diocesana   

Campo Giovanissimi

A partire dalla mattinata del 27 e fino al 30 dicembre scorso si è tenuto il Campo Invernale Giovanissimi organizzato dai Giovani dell’Azione Cattolica diocesana. Il titolo era “All i want for Christmas is...”. Un titolo abbastanza esplicativo che fa capire quali siano le tematiche trattate dai partecipanti.

L’obiettivo degli educatori è stato quello di analizzare quali fossero i bisogni e i desideri dei ragazzi di oggi, tentando di farli scaturire da loro e non cercando di condizionarli su quelli che possono essere bisogni o desideri fondamentali di un ragazzo appartenente alla nuova generazione di Giovanissimi.

Uno degli obiettivi, se non quello principale, era quello di poter permettere a ogni singolo partecipante al Campo di formare una propria coscienza in grado di creare una propria definizione di “bisogni” e “desideri”, così da poterli distinguere, riconoscere e analizzare.

Tutto, detto così, sembra molto accademico, ma in realtà come solitamente accade per tutti i Campi in Casa Alpina, il traguardo è stato raggiunto con un susseguirsi di attività molto divertenti e aggreganti che hanno permesso di consolidare il grande gruppo di Giovanissimi che si è creato nelle ultime due estati, dove i numeri hanno praticamente sempre raggiunto il limite massimo di disponibilità.
Tutto questo è avvenuto sotto la supervisione di don Luca Ghiacci guida spirituale, che ha concluso il Campo organizzando un momento tanto emozionante quanto innovativo: una fiaccolata in mezzo alla neve per ripercorrere il viaggio dei Re Magi .

Ai Campi Giovanissimi sembrano non mancare mai novità ed entusiasmo e questo nuovo, numeroso gruppo è ancora aperto a future adesioni che possano arricchirlo e farlo diventare sempre più grande.

Equipe Giovani


 

Tre Giorni Adulti

“Nessuno può salvarsi da solo”. È iniziato dal titolo del 56° Messaggio per la Giornata mondiale della Pace il percorso di riflessione e approfondimento che giovani e adulti dell’Azione Cattolica hanno condiviso nel consueto appuntamento in Casa Alpina, a Brusson, dal 6 all’8 gennaio.

Partendo dalla lettura condivisa del testo di Papa Francesco, calato nella vita concreta di ciascuno, il percorso è salito di intensità con l’aiuto di Luigi Alici, professore emerito di filosofia morale e già presidente nazionale di Azione Cattolica, che ha offerto una chiave di lettura catalizzata sui temi del discernimento comunitario e della fraternità.
Nel tempo che stiamo vivendo, caratterizzato dal senso di crisi e di fragilità causato dalle esperienze della pandemia, delle guerre e delle mancate promesse della globalizzazione, occorre ritrovare la forza, come individui e come comunità, di non cedere alla tentazione di voltarsi dall’altra parte o di scappare: insieme, abbiamo il dovere di scavare in profondità nell’esercizio costante di un discernimento comunitario che impedisca semplificazioni e soluzioni riduttive davanti alle difficoltà della vita quotidiana.

Piuttosto va recuperata l’esperienza autentica di comunità che custodisce ed esercita la fratellanza, unico antidoto al virus dell’egoismo e dell’individualismo che ci pervade. Discernimento comunitario e fraternità possono diventare le coordinate che guidano e orientano le azioni nella ricerca di un bene comune da condividere.

In questa direzione è stato proficuo il confronto con Brando Benifei, deputato al Parlamento europeo, che ha declinato l’insostituibile ruolo dell’Unione europea come riferimento e guida alle scelte concrete. Anche Papa Francesco indica concretamente le sfide del nostro tempo e compito della politica è quello di tradurre in scelte condivise e percorribili i valori che provengono dalle comuni radici sulle quali abbiamo pensato e costruito la casa comune europea.

La presenza, purtroppo breve, dell’assistente diocesano don Claudio Baldi e del gruppo di amici della comunità del seminario ha permesso di fondare sulla Parola e sulla preghiera comunitaria il nostro impegno e di nutrire quella comunione che è sempre alla base della comunità.
Ancora una volta “salire sul monte” è stato bello, ma, consapevoli che il nostro posto resta nel mondo della nostra ferialità, è possibile riprendere con più coraggio e gioia i sentieri di pace insieme alle sorelle e ai fratelli che il Signore ci ha donato come compagni.

Equipe Adulti

Data: 13/01/2023



Archivio Notizie


Diocesi di Tortona

p.zza Duomo, 12
15057 Tortona (AL)

CONTATTACI

Il magazine della Diocesi

Il Popolo

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP

La radio ufficiale della Diocesi

RadioPNR

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP


©2023 - Diocesi di Tortona