Venerdì, 24 Maggio 2024
Diocesi di Tortona
Sua Ecc.za Rev.ma
Mons. Guido Marini
Vescovo

Come sostenere i nostri sacerdoti

Lo stipendio dei preti non aumenta.
Neppure è adeguato all’inflazione.
Per il 2013, come ormai da qualche anno, i vescovi italiani hanno riconfermato la scelta di bloccare l’aggiornamento della remunerazione del clero per esprimere, anche in questo modo, solidarietà alle persone colpite dalle perduranti difficoltà economiche.
La Giornata nazionale per il sostentamento del clero, che si è celebrata domenica 25 novembre, è stata quindi improntata a questo stile.
Uno stile solidale, di solidarietà biunivoca. “Ogni Offerta in più raccolta dall’Istituto Centrale Sostentamento Clero - ricorda Matteo Calabresi, responsabile del Servizio Promozione Sostegno Economico alla Chiesa - è importante almeno per due motivi: perché contribuisce in modo concreto e perequativo al sostentamento dei 37 mila sacerdoti diocesani, ma soprattutto perché testimonia una comunità che non è totalmente sorda a quel senso di partecipazione e corresponsabilità che va anche oltre la propria comunità ecclesiale”.

L’obolo di ciascuno infatti contribuisce ad assicurare una remunerazione mensile tra 883 euro netti al mese per un sacerdote appena ordinato, e 1.380 euro per un vescovo ai limiti della pensione.
Con l’Offerta si sostengono anche circa 3 mila preti ormai anziani o malati, dopo una vita intera a servizio del Vangelo e del prossimo e 600 missionari nel Terzo mondo.
Questo sistema, col doppio binario dell’8x1000 e delle offerte deducibili, è nato come strumento di comunione tra sacerdoti e fedeli, e delle parrocchie tra loro. Per dare alle comunità più piccole gli stessi mezzi di quelle più popolose, nel quadro della ‘Chiesa- comunione’ delineata dal Concilio Vaticano II.
L’8xmille è uno strumento ben noto, e non costa nulla in più ai fedeli.
Le Offerte invece sono un passo ulteriore nella partecipazione: comportano un piccolo esborso in più ma indicano una scelta di vita ecclesiale.
Tuttora l’Offerta copre poco meno del 3% del fabbisogno; dunque per remunerare i sacerdoti bisogna ancora attingere all’8x1000.
Ma vale la pena far conoscere la possibilità delle Offerte perché questo dono indica una scelta consapevole di vita ecclesiale.
Esse sono dette “deducibili” perché si possono dedurre dall’imponibile nella dichiarazione dei redditi.
Come fare il versamento Si può ricorrere al canale bancario, alla carta di credito o direttamente all’Istituto diocesano sostentamento clero (www.offertesacerdoti.it).
Le offerte per il sostentamento sono deducibili fino ad un massimo di 1.032,91 euro ogni anno.
La deducibilità è riservata alla persona fisica.
È possibile richiedere la ricevuta della donazione, deducibile dalla dichiarazione dei redditi, al numero verde 800 568 568 oppure scrivendo all’email: donatori@sovvenire.it

Per chi dona tramite conto corrente postale, ai fini fiscali farà fede il cedolino. Tutte i dettagli si trovano comunque su www.sovvenire.it  

Data: 29/11/2012



Archivio Notizie


Diocesi di Tortona

p.zza Duomo, 12
15057 Tortona (AL)

CONTATTACI

Il magazine della Diocesi

Il Popolo

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP

La radio ufficiale della Diocesi

RadioPNR

VEDI ONLINE

oppure

SCARICA L'APP


©2023 - Diocesi di Tortona